Blog del Lanificio Paoletti

Le nostre lane alle settimane della moda donna

Lanvin2

Nel post precedente abbiamo passato in rassegna le collezioni che i fashion designer europei hanno sviluppato interpretando i tessuti del Lanificio Paoletti nel mondo del menswear per la prossima stagione Autunno Inverno 2015-16.

In chiusura alla settimana della moda parigina, ripercorriamo ora le presentazioni che hanno visto protagoniste le nostre lane sulla scena delle passerelle al femminile, non solo in Europa questa volta, ma anche negli Stati Uniti.

Mood

Dal punto di vista dei nostri clienti, la moda donna della prossima stagione Autunno Inverno è stata composta attraverso riferimenti cinematografici e pittorici, punteggiata da un gusto naïf e da richiami alla vita nomade.

Mood A/W 2015/2016

Da sinistra: Brooke Shields nei panni di Violet in Pretty Baby (Malle, 1978); Giulietta Masina nei panni di Gelsomina in La Strada (Fellini, 1954); Courtney Love; Ritratto di giovane donna (Botticelli, 1484); poster vintage francese.

Le capitali della moda:

New York

Iniziamo proprio da New York, dove i tessuti del Lanificio Paoletti hanno debuttato già dalla prima giornata della settimana della moda donna, con la presentazione della collezione di RED Valentino.

Tessuto per REDValentinoSfilata RED Valentino, Autunno Inverno 2015-16, New York

Esce nel 1954 il film La strada di Fellini, con questo lungometraggio il regista prende apparentemente le distanze dal realismo, mettendo in scena l’Italia ingenua e sognatrice delle campagne, attraversata da una stravagante compagnia di saltimbanco, tra cui spicca la figura di Gelsomina, interpretata da Giulietta Masina. A questa atmosfera povera e spiritualista insieme, popolata come una favola di prestigiatori e taglialegna, si ispira la collezione di RED Valentino.

Collage capi REDValentino

Sfilata RED Valentino, Autunno Inverno 2015-16, New York

Rimaniamo sul tema del viaggio anche per la collezione di Diesel Black Gold, dove l’immagine femminile si lega al mondo della motocicletta, immagine influenzata da un famosissimo scatto di Peter Linbergh.

Collezione Diesel

Sfilata Diesel Black Gold, Autunno Inverno 2015-16, New York; Wild at Heart: fotografia di Peter Lindbergh, styling di Grace Coddington, in Vogue America, settembre 1991. Ritratte: Cindy Crawford, Tatjana Patitz, Helena Christensen, Linda Evangelista, Claudia Schiffer, Naomi Campbell, Karen Mulder, Stephanie Seymour.

Milano

Ci spostiamo in Italia, e proprio dalle radici della cultura di questo Paese, dal Rinascimento italiano, prende forma la collezione di Alberta Ferretti. Un bacino di riferimenti storico-artistici a cui aveva già sapientemente attinto Gian Battista Giorgini nel costruire l’immagine dell’Alta Moda Italiana nel lontano 1952. Grazie al nostro tessuto Alberta Ferretti ha tradotto la ricchezza degli intrecci botticelliani sulla superficie di due outfit dalla calda palette autunnale.

Capi collezione Alberta Ferretti

Particolare abiti Alberta Ferretti

Sfilata Alberta Ferretti, Autunno Inverno 2015-16, Milano

Philosophy di Lorenzo Serafini ci riporta al cinema con i suoi riferimenti alla controversa pellicola uscita nel 1978 Pretty Baby, ambientata alla fine degli anni Dieci nel quartiere a luci rosse di New Orleans, e che vedeva nei panni della prostituta dodicenne Violet, una giovanissima e incantevole Brooke Shields. La visione candida degli aspetti comuni della vita quotidiana è incarnata in una femminilità romantica.

 

Clip dal film Pretty Baby (Malle, 1978)

Passerella di Philosophy

Capi Philosophy in passerella

Dettagli capi Philosophy

Sfilata Philosophy di Lorenzo Serafini, Autunno Inverno 2015-16, Milano

Parigi

La settimana della moda di Parigi è stata forse la più attesa con le uscite dei nostri tessuti nelle collezioni di Lanvin e Nina Ricci.

Nel primo caso i nostri tessuti hanno partecipato alla rivelazione di un attaccamento alle origini per il designer Alber Elbaz che ci racconta la sua infanzia in Marocco, prima di emigrare in Israele all’età di dieci anni. Una visione femminile onirica la sua, come quella di nomadi tuareg in lontananza.

 Capi Lanvin in passerella

Abiti collezione Lanvin

Dettaglio abiti Lanvin

Sfilata Lanvin, Autunno Inverno 2015-16, Parigi; Nobili tuareg, inizio del XX secolo, immagine tratta dal testo The Worldwide History of Dress di Patricia Rieff Anawalt

L’elemento delle frange prende la forma di gioiello con Nina Ricci, che le ha applicate a un bracciale dorato che sbuca dalla manica del cappotto realizzato con la nostra lana.

Soprabito Nina Ricci

Sfilata Nina Ricci, Autunno Inverno 2015-16, Parigi

Tessuto realizzato per Nina Ricci

Le nostre lane alle settimane della moda donna ultima modifica: 2015-03-17T17:56:24+00:00 da Elena Farinelli
/ / / /